Centrale Silentron HT
14/05/2021

DOMOTICA E SUPER BONUS 110%


Avere una casa domotica permette di aumentare il comfort abitativo, ma soprattutto aiuta ad ottimizzare i consumi e ottenere quindi un sostanzioso risparmio energetico. Oggi è possibile approfittare del Bonus Domotica per rendere la propria abitazione Smart. Vedremo in questo articolo quali sono i vantaggi della domotica e come richiedere gli incentivi.

I VANTAGGI DELLA DOMOTICA

Trasformare la nostra abitazione in una Smart Home ci permetterà di personalizzarla sotto ogni punto di vista, ma soprattutto ci permetterà di renderla iperconnessa ed efficiente a livello energetico. L’impianto domotico difatti è in grado di monitorare costantemente i consumi casalinghi; in questo modo possiamo ottimizzare i consumi, limitare gli sprechi e di conseguenza ottenere un importante risparmio energetico.

Ma vediamo nel dettaglio quali sono i diversi vantaggi di possedere un impianto domotico in casa:

Personalizzazione e comfort: sarà possibile controllare da remoto l’intera casa per, ad esempio, accendere o spegnere le luci, scegliere la temperatura o programmare l’impianto di riscaldamento, mettere in funzione qualsiasi elettrodomestico.

Controllo dei consumi: la domotica ci permette di tenere sotto controllo i consumi della nostra abitazione costantemente e da qualsiasi posto in cui ci troviamo, aumentando quindi il risparmio in bolletta.

Iperconnettività: grazie al nostro impianto domotico saremo sempre connessi con la nostra casa, con la possibilità di controllarne ogni aspetto tramite app o smartphone. In questo modo l’abitazione sarà anche più sicura.

BONUS DOMOTICA 2021

Se siamo in procinto di ristrutturare la nostra abitazione possiamo approfittare degli incentivi previsti dal Superbonus 110% per installare un impianto domotico e rendere quindi la nostra abitazione smart. L’installazione di un impianto domotico, oltre ad essere una buona occasione per migliorare la propria abitazione, è anche un passo fondamentale verso l’efficienza energetica e la sostenibilità ambientale. L’impianto ci permetterà infatti di monitorare costantemente i consumi casalinghi, limitando ogni tipo di spreco e facendo così del bene al nostro Pianeta.

Con l’interconnessione di tutti gli ambienti e quindi anche di tutti gli impianti della casa è possibile tenere il tutto sotto controllo, anche da remoto, contribuendo a ridurre le bollette di luce e gas. Per questa soluzione è consigliabile scegliere un buon operatore per internet sul proprio smartphone per monitorare il tutto in tempo reale. Naturalmente anche la connessione WiFi in casa deve essere veloce; è bene per questo verificare di avere una copertura internet ottimale e valutare le diverse offerte presenti sul mercato (anche business) per un risparmio maggiore. In questo modo sarà ancora più semplice ottimizzare il risparmio e conoscere in qualsiasi momento i nostri consumi energetici, ancor prima di effettuare un’autolettura del contatore. Questa può essere anche un'ottima occasione per fare un cambio, contattando i diversi fornitori, in vista del prossimo passaggio obbligatorio al mercato libero previsto per gennaio 2022.

In caso di trasloco in una nuova abitazione è bene non dimenticare di effettuare per tempo il trasferimento delle utenze, facendo richiesta per l’allaccio di un nuovo contatore (se ancora non è presente nell’abitazione), una voltura o semplicemente un subentro.

MA QUALI SONO GLI INCENTIVI PREVISTI?

Per l’installazione di impianti di building automation è possibile optare tra due tipi di incentivo:

Ecobonus 65%: è possibile accedere al bonus domotica indipendentemente dalla realizzazione di interventi che aumentino il livello di efficienza energetica dell'appartamento

Superbonus al 100%: in questo caso sarà necessario realizzare un intervento trainante

In entrambi i casi, chi richiede il bonus domotica 2021 dovrà essere in possesso di un'attestazione rilasciata dalla ditta che ha effettuato l'installazione, a testimonianza del proprio intervento. Inoltre, il pagamento dovrà avvenire per mezzo di un bonifico postale o bancario, riportante come causale il numero e la data della fattura, nonché i dati anagrafici e fiscali di chi porterà in detrazione gli importi e il riferimento alla Legge Finanziaria.

SCADENZE E PROROGA DEGLI INCENTIVI FISCALI

Il disegno di legge di Bilancio 2022 prevede la proroga del Superbonus 110%, ma con scadenze differenziate a seconda della tipologia di beneficiario.

In particolare, secondo il testo della Manovra approvato dal Consiglio dei Ministri, per gli interventi effettuati su edifici unifamiliari da persone fisiche - soggetti di cui al comma 9, lettera b) dell’art. 119 del D.L. n. 34/2020 - la maxi detrazione spetta fino al 31 dicembre 2022 ma esclusivamente in due ipotesi:

• Se, alla data del 30 settembre 2021, risulti effettuata la comunicazione di inizio lavori asseverata (CILA), ovvero, per gli interventi comportanti la demolizione e la ricostruzione degli edifici, risultino avviate le relative formalità amministrative per l’acquisizione del titolo abilitativo;

• Per gli interventi eseguiti da persone fisiche con ISEE non superiore a 25.000 euro annui su unità immobiliari adibite ad abitazione principale.

In tutti gli altri casi, il termine ultimo per concludere i lavori per beneficiare del superbonus 110% resta confermato al 30 giugno 2022.